Appunti di viaggio 3 – Ripacandida –

20140426-194816.jpg

20140426-194806.jpg

Immaginate una scatola un po’ vecchia, magari con uno strato di polvere sopra, in una soffitta dimenticata; l’aspetto esteriore non promette nulla di particolare, ma non appena sollevate il coperchio, i vostri occhi vengono illuminati da un tesoro multicolore.

Come un libro miniato la chiesa di San Donato a Ripacandida si apre regalando uno stupefacente mondo di colori che si sono mantenuti brillanti e vivaci attraverso i secoli. Le volte sono state affrescate attraverso i secoli con cicli dell’Antico Testamento, rappresentazioni di santi e ritratti delle suore del convento adiacente alla chiesa.
Quelli appartenenti al periodo medioevale ricoprono la maggiorparte del soffitto e sono stati realizzati da artisti locali, dalla mano semplice ma con una straordinaria sapienza narrativa, in grado di spiegare a chiunque le storie della Genesi e altri episodi della Bibbia.
Mi ha colpita particolarmente la costruzione dell’arca di Noè, a forma di casetta, con tutti gli animali che accorrono. La dolcezza e la semplicità di questo affresco rapiscono il cuore.

Un’altra particolarità dei dipinti di questa chiesetta è la stratificazione, particolarmente visibile: in mezzo ad una scena dipinta nel 1500 puó saltar fuori un piccolo particolare di un affresco precedente, creando uno strano collage. Sono cose che si possono vedere anche in altre chiese italiane, ma qui, forse per la moltitudine di scene conservate, si nota particolarmente.
Penso che sia una grande ricchezza questo sovrapporsi di testimonianze di secoli diversi in un unico, piccolo luogo, sperduto nella campagna della Basilicata.

20140426-194648.jpg

Categorie:Blog

2 replies

  1. Che sorprese che sinottengono aprendo un piccolo prezioso scrigno…medievale ovviamente!
    Hai esattamente espresso cio che ho pensato alla vista parziale e fugace di questo ciclo di affreschi…semplicità stilistica ma completezza narrativa. Di che periodo sono? La lezione di Giotto sembra essere stata appresa da lontano nella divisione delle pontate e nella ricerca di profondità. ..ma ne vedo solo un piccolo assaggio.

    • La guida ci ha detto che erano del 1400 ma voglio leggere il libro che ho preso per esserne certa. Lo stile è più trecentesco o tardo duecento, però essendo un borgo isolato potrebbe aver recepito più lentamente i cambiamenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...